Passioni

Computer

Pas-Computer-150x150

Intorno ai 6-7 anni mi regalarono un libro che si intitolava: “Il mio primo computer”. Parlava dell’informatica, dagli albori all’attualità e negli anni 80 era tutto all’inizio, tutto da scoprire. Quel libro segnò i primi passi di quello che poi sarebbe stato il mio percorso. A 8 anni chiesi il primo PC (che in realtà non era un Personal Computer, ma ci andava vicino: l’Amiga 500) e imparai così a disegnare, scrivere, programmare, suonare in questo modo tutto nuovo. Iniziai ad amare l’informatica in un periodo dove nessuno ne sapeva niente, scelsi di fare l’Istituto Tecnico Industriale per seguire quella strada, ma mi accorsi nel frattempo che i PC mi piaceva più smontarli che programmarli e così optai per la specializzazione di Elettronica e Telecomunicazioni, innamorandomi irreversibilmente delle antenne, motivo per cui ho scelto proprio Ingegneria delle Telecomunicazioni all’università.

Ho cominciato ad andare su Internet nel ’98 con i computer dell’università, ho conosciuto le BBS tramite Telnet e il progresso tecnologico si può dire che me lo sono vissuto piano piano mentre stava nascendo, ricordo con affetto quel periodo dove tutto sembrava straordinario, mentre adesso diamo tutto per scontato. Perchè metto questa passione al primo posto? Perchè grazie al computer prendono vita molte delle altre.

consenting-hearts-black-divider

Musica

Pas-Musica-150x150

Se c’è una cosa a cui assolutamente sono dipendente, ebbene, quella è la musica, non riesco a stare senza! Ho cominciato a leggere lo spartito prima di imparare a leggere l’alfabeto. Ho iniziato suonando uno strumento per niente facile, la fisarmonica, ma a modo mio, ovvero suonando pezzi di musica classica. Poi sono passata alla tastiera, mia grande passione, e ho avuto la fortuna di avere un gruppo di Pianobar per qualche anno e di entrare in Studio di Registrazione per registrare qualche mia canzone. Niente di che, ma è sicuramente stato uno dei giorni più belli della mia vita. Infine per un anno ho suonato chitarra jazz, ma ammetto di essere piuttosto imbranata con le 6 corde!

Purtroppo con gli anni e per colpa di una grande delusione, ho smesso di suonare. O meglio, ogni tanto lo faccio per me, ma senza esercizio costante ho dimenticato molte cose e questo è sicuramente un mio grande rimpianto. Per quanto riguarda i gusti musicali prediligo il metal (soprattutto gothic, doom death, power, folk, depressive black), ma amo tutto ciò che va dal rock in su (in particolare Dire Straits, Mr. Big, Depeche Mode), la classica, le colonne sonore, Mike Oldfield, Vangelis.

consenting-hearts-black-divider

Serie tv

pas-serietv

Ho sempre odiato la Tv, per tanti anni non ce l’ho neanche avuta, trovo tutto abbastanza stupido e deprimente, tranne alcuni film (distrutti però dalle pubblicità) e soprattutto le Serie Tv.

Ho cominciato anni fa con Six Feet Under (finale da brividi), ma la dipendenza è nata sicuramente con Lost (mi ero iscritta pure al forum ufficiale per capirci qualcosa, inutilmente).

Fare una lista senza dimenticarne alcune sarebbe improponibile, citerò quelle che mi vengono in mente al momento: Vikings, Breaking Bad, Prison Break, Sleepy Hollow, Once Upon a Time, Supernatural, Game of Thrones, Dominion, Shameless, Mr. Robot, Twin Peaks (quando uscì mi fece paura!), True Detective, Fringe, American Horror Story, Outlander, The Leftovers, Flashforward, Black Mirror, Sense8, Westworld, Dexter, The Walking Dead, Being Human, Penny Dreadfull… e ultima, ma non per importanza, Big Bang Theory (ho la gatta che si chiama Penny mica per caso!).

consenting-hearts-black-divider

Disegno

Pas-Disegno-150x150

Mia mamma conserva ancora con cura il mio primo disegno: un robottino disegnato con una penna su un quaderno, quando avevo a fatica due anni (non cambio facilmente gusti, è evidente).

Mi è sempre piaciuto disegnare, quando ero piccola i miei mi portavano ovunque, assieme ad un album e delle matite e io passavo il tempo buona a disegnare, non mi stancavo mai.

Ho prediletto fin da subito il disegno a matita o carboncino, in particolare adoro i ritratti, ma non riuscirei mai a disegnare qualcosa a cui non tengo (per questo motivo il mio Maestro mi aveva soprannominata “La disegnatrice degli affetti”).

Col tempo ho provato anche i pastelli per artisti (perfetti per ritrarre animali), per poi approdare al disegno al pc, decisamente quello che fa per me! E’ incredibile quello che si possa fare con una tavoletta grafica. L’unico mio limite è dato dalla pigrizia, visto che son più pignola che capace ci metto davvero un’eternità a fare un disegno.

consenting-hearts-black-divider

Fotografia

Pas-Fotografia-150x150

Ho capito che mi piaceva fotografare a 11 anni, quando misi un pulcino bianco e uno nero di schiena, come per formare un cuore e nonostante i mezzi scarsi dell’epoca, quella foto divenne un piccolo capolavoro.

La svolta l’ho avuta con la prima compattina digitale, niente di che, ma visto che le foto non si pagavano potevo sperimentare ed è così che ho cominciato a fotografare le farfalle, mia grande passione. Da lì è arrivata la prima reflex a rullino (Canon EOS 5) e infine la mia inseparabile reflex digitale (Canon EOS 450D).

Non posso certo spacciarmi per fotografa, purtroppo per pigrizia non ho mai studiato a fondo le potenzialità della fotografia, ma diciamo che ho abbastanza occhio e mi capita di fare delle belle foto.

I miei soggetti preferiti ovviamente sono gli animali, come per i disegni, riesco a ritrarre solo le cose a cui tengo (e che non sono cose, appunto).  Poi grazie al pc mi diletto pure nei fotomontaggi, lo trovo un passatempo divertente. .

consenting-hearts-black-divider

Scrivere

Pas-Scrittura-150x150

Da che io abbia memoria ho sempre amato scrivere: dalle poesie alle canzoni, dai romanzi alle semplici elucubrazioni (seghe?) mentali. Mi ricordo, in particolare, dei pomeriggi passati a scrivere seduta in un campo, mentre Stella pascolava, con un quadernetto appoggiato sulle ginocchia. E’ stato il periodo più creativo di tutta la mia vita.

Avendo  frequentato solo scuole tecniche non posso certo dire di aver sviluppato negli anni un linguaggio forbito (motivo per il quale mai nessuno ha letto i miei “romanzi”!), però questo non mi ferma dal farlo.

Con l’avvento di Internet il modo di scrivere e soprattutto la motivazione è cambiata, adesso -purtroppo- mi capita di scrivere più sui social che per scopi privati. Ma l’importante, in ogni caso, è fare qualcosa che ci piace.

Anche scrivere su questo Blog alla fine è un ottimo esercizio, no?

consenting-hearts-black-divider

Guild Wars

pas-gw

Cosa probabilmente strana per una persona che ha sempre amato i PC: a me non sono mai piaciuti i videogiochi, nessun gioco mi ha mai coinvolta (tranne  un po’ The Sims  Roller Coaster Tycoon, Faraon, Age of Empire…).

Fino al giorno in cui sono entrata nel magico mondo di Tyria! Guild Wars mi ha appassionato in un modo che non credevo possibile, ci ho passato ore e sono diventata davvero brava, mi piaceva l’idea di giocare con altre persone.

Con Guild Wars 2 purtroppo sta mancando il tempo e anche un po’ il PC (Lino Terzo fa quel che può, insomma), però rimarrà sempre il gioco del mio cuore. Tanto che anni fa ho fatto anche il Cosplay della mia necromante (scambiato dai bambini per la Fata Turchina, no dico, ma si può?).

In foto c’è il mio primo pg: l’elementalista Contessa BBlue (chi l’avrebbe mai detto!).